Il 1° marzo, inizia la Campagna: “Primavera antirazzista”, una giornata di iniziative variegate, incontri, manifestazioni, concerti, assemblee nelle scuole, giornali parlati, in tutto il territorio italiano, che raccolgano l’importanza di lanciare un segnale forte al Paese sul tema dell’immigrazione e le condizioni dei migranti e delle minoranze. Lo stesso giorno ci saranno iniziative analoghe in altri paesi europei, ad iniziare dalla Francia, dove è stata lanciata l’idea della Journée sans immigrés, 24h sans nous.
Le giornate del 20 e 21 marzo, giornata Internazionale contro il razzismo promossa dall’ONU, saranno “giornate con gli immigrati e le immigrate” e analogamente al 1° marzo si organizzeranno altre iniziative. In particolare, domenica 21 marzo si propone “di far vivere i simboli ed i valori di questa campagna nelle varie manifestazioni sportive: negli stadi e nella maratona di Roma”. Tra il 1° ed il 21 marzo si collocheranno iniziative diffuse nei territori, utili a valorizzare il ruolo e la presenza migrante in Italia e la necessità di contrastare ogni forma di razzismo, il bisogno di estendere lo spazio dei diritti e di contrastare quello dello sfruttamento e delle mafie come ci ricordano i tragici fatti di Rosarno. Si tratterà di iniziative che interesseranno il mondo del lavoro, della scuola e i luoghi di socialità, che saranno promosse autonomamente dai singoli soggetti aderenti e di volta in volta concordate.